EVENTI REFERENDARI

Verbale della seduta del Consiglio Comunale di Cagliari del 08/08/2018 che respinge il sostegno all’iniziativa referendaria, attraverso la bocciatura dell’OdG presentato dalla Consigliera Antonietta Martinez.
Gesturi – Domenica 16 settembre 2018 – Un grazie ad Anna Paola Usai per aver partecipato attivamente alla raccolta firme, regalandoci uno splendido risultato. Un grazie ai cittadini di Gesturi, che ci hanno consentito di andare avanti con la raccolta firme partecipando in massa alle sottoscrizioni.

Alghero – Sabato 28 luglio alle 10.45, in Via Cagliari fronte Mercato Civico, si terrà una conferenza stampa tesa ad illustrare l’Odg presentato dal Consigliere comunale Michele Pais a sostegno del Referendum.

Cagliari – Sabato 28 luglio 2018 – Marina Piccola, dalle 19:30 in poi, raccolta firme per la proposizione del Referendum Abrogativo sulla Vertenza Entrate della Regione Sardegna. Siete tutti inviati!

Cagliari – Domenica 29 luglio 2018 – Sant’Elia, Mercato Civico, dalle 08:30 alle 10:30, raccolta firme per la proposizione del Referendum Abrogativo sulla Vertenza Entrate della Regione Sardegna. Siete tutti inviati!

Il Consigliere Comunale Antonietta Martinez presenta l’Ordine del Giorno sul Referendum Vertenza Entrate presso il Consiglio Comunale di CagliariCon 13 NO e 8 SI il Consiglio Comunale di Cagliari respinge l’OdG e non sostiene l’iniziativa.
http://www.vertenzaentrate.it/wp-content/themes/salient/css/fonts/svg/software_transform_bezier.svg

Cos’è la Vertenza Entrate
http://www.vertenzaentrate.it/wp-content/themes/salient/css/fonts/svg/basic_pencil_ruler.svg

il danno economico
http://www.vertenzaentrate.it/wp-content/themes/salient/css/fonts/svg/weather_wind_fullmoon.svg

Il testo del patto del 2014
http://www.vertenzaentrate.it/wp-content/themes/salient/css/fonts/svg/software_layout_header_complex.svg

Il referendum abrogativo
http://www.vertenzaentrate.it/wp-content/themes/salient/css/fonts/svg/ecommerce_diamond.svg

Sostieni la causa
http://www.vertenzaentrate.it/wp-content/themes/salient/css/fonts/svg/software_paintroller.svg

Eventi nell’isola

Lo scopo del Referendum Abrogativo: annullare un accordo scellerato per riprenderci le risorse economiche che ci spettano per Statuto della Regione Sardegna

Nel 2014 la giunta regionale isolana, nell’ambito di un accordo bilaterale Stato/Regione ha barattato lo sforamento del patto di stabilità con il ritiro di qualsiasi pretesa economica dovuta nei confronti dello Stato. Ovvero, ci siamo accordati per spendere soldi già nostri in cambio della rinuncia a un credito di alcuni miliardi di euro.

Scuole, ospedali, strade e trasporti sono al collasso per mancanza di fondi. La sanità è totalmente a carico della Regione Sardegna e, al di la della gestione discutibile operata anche dalle giunte precedenti, soffre un calo di risorse importante a causa della penuria di fondi del bilancio regionale.

La giunta regionale ha barattato la rinuncia ai nostri crediti per nulla! Avrebbe dovuto esporre le sue ragioni al popolo sardo, coinvolgerlo e convincerlo del fondamento di tale accordo. Invece ha agito in “camera caritatis” compiendo un atto dispositivo che, se anche legittimo giuridicamente, si è rivelato un gesto servile e suddito del governo nazionale che ha compromesso irrimediabilmente il futuro dell’isola.

Siamo stati trattati come merce di scambio da partiti padronali che ritengono le istituzione un propio feudo impenetrabile, fedeli al potere e pronti al sacrificio economico senza alcuna contropartita. In Sardegna si muovono tanti interessi, troppi, ma mai a beneficio di tutti i sardi. Emigrare o miseria, questo il nostro destino insieme alla morte del nostro Statuto.

In che modo si può partecipare

100.000

Non una di meno1!!!

Per presentare la richiesta di referendum abrogativo occorrono 15.000 firme valide.

Noi vogliamo raccoglierne almeno 100.000!

Facciamo sentire la nostra presenza!

Quesito Referendario

Vuoi tu l’abrogazione dell’art.5 dell’accordo tra il Ministero dell’Economia e delle Finanze e la Regione Autonoma della Sardegna denominato “Accordo tra il Ministero dell’Economia e delle Finanze e la Regione Sardegna in materia di Finanza Pubblica” stipulato in data 21 luglio 2014 e sottoscritto dal Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan e dal Presidente della Regione Sardegna Francesco Pigliaru, nella parte in cui prevede che la Regione si impegna a ritirare, entro il 16 settembre 2014, tutti i ricorsi contro lo Stato pendenti dinnanzi alle diverse giurisdizioni relativi alle impugnative di leggi o di atti conseguenziali in materia di finanza pubblica, promossi prima del presente Accordo, o, comunque, a rinunciare per gli anni 2014/2017 agli effetti positivi sia in termini di saldo netto da finanziare che in termini di indebitamento netto che dovessero derivare da eventuali pronunce di accoglimento?”

Lottare

SI

Desistere

NO